Ieri era Fini, oggi è Alemanno.
Certo, accostare le due cose è quasi ridicolo, perché da un lato si parla della morte di un ragazzo, dall’altra si parla di gay pride.
Eppure, l’andazzo è chiaro e lampante.
Meditate per chi avete votato, meditate.

Annunci