Negli ultimi giorni ho staccato completamente la spina con il mondo circostante, e mi sono dedicato esclusivamente allo studio (oggi ho aggiunto ben due voti alla collezione: un 27 e un 30, e il countdown è scattato a meno sei) e al lavoro in Ufficio Comando in Pubblica (quando tocca…).
E i prossimi giorni non saranno da meglio: il 15 e il 18 ho altri due esami.
Ciò non mi ha però impedito di buttare un occhio anche a qualche pagina dei giornali. La notizia più sconvolgente di questi giorni è senz’altro il "tradimento" di Vieri che passa alla sponda milanista (sì, proprio l’altra sponda, direi!).
Le altre notizie invece non mi hanno stupito per nulla.
Marcello Pera, presidente del Senato Italiano, commenta la conquista civile spagnola dei matrimoni omosessuali. Egli sostiene che in realtà non si tratta di diritti, ma di capricci. E’ facile sputare sentenze, quando le cose non ci riguardano, vero? E’ facile parlare di capricci, di stronzate, quando noi abbiamo il culo parato, e nessuno ci tocca i nostri, di diritti, che sono sacri ed inviolabili da secoli. Pera: sei inqualificabile, sei uno schifo. E il bello è che dovresti rappresentarmi.
La Lega Nord contesta – con una manifestazione organizzata – il Capo dello Stato che,  al Parlamento Europeo, elogia l’Euro e l’indiscutibile serie di vantaggi economici che esso ha portato. Già di per sé questo sarebbe un fatto gravissimo: come possono dei ministri Italiani attaccare il Capo dello Stato, che rappresenta l’Italia intera? Ma a rendere ancora più grave l’attacco è la sede scelta: il Parlamento Europeo. Che figura ci abbiamo fatto? Che immagine abbiamo dato di noi? Per fortuna maggioranza ed opposizione hanno fatto un fronte compatto a sostegno di Ciampi, ma il polverone sollevato sembra destinato a non posarsi tanto presto.
La notizia positiva è che probabilmente riuscirò anch’io a farmi una (UNA!) settimana di ferie, ad Agosto: andrò – assieme a un paio di colleghi – a fare il soccorritore a Porto Rotondo, in Sardegna. Sembra che i sardi proprio non ci tengano a prestare servizio d’urgenza, e così gran parte del servizio di soccorso sanitario dell’isola si basa su volontari provenienti da altre regioni d’Italia. Di bello c’è che ci forniscono vitto e alloggio gratis, in cambio di un turno al giorno. Di brutto, anzi, MOLTO brutto, c’è che saremo a pochi metri dalla villa di Berlusconi. Potrebbe succedere qualcosa di MOLTO brutto.

Annunci